Maschinenfabrik Berthold Hermle AGMaschinenfabrik Berthold Hermle AG

From one to another!
User reports

08.04.2019
Da sinistra verso destra Andreas Härtter (Hermle + Partner Vertriebs GmbH), Giacomo Förster (operatore della C 400 U) e Dirk Schmidt (amministratore delegato della Schmidt und Remmert GmbH).

16 ore al giorno di truciolatura

Per una produzione più rapida e flessibile delle matrici per la lavorazione di tubi, la Schmidt und Remmert ha investito in un centro di lavorazione a 5 assi Hermle del tipo C 400 U con sistema handling automatico.

"Il 90 percento dei nostri clienti è costituito da rinomati fornitori di componenti automobilistici", spiega Dirk Schmidt, amministratore delegato della Schmidt und Remmert GmbH. L'azienda con sede a Geseke, nella Renania Settentrionale-Vestfalia, in Germania, è fornitore di semilavorati (tubi per carburanti, gas di scarico o acqua di raffreddamento). L'azienda progetta e produce da sé le necessarie matrici. "Lavoriamo con un unico turno di lavoro. Per rispondere alla crescente domanda, abbiamo deciso di investire nell'automatizzazione", spiega Schmidt. Il suo obiettivo è quello di poter servire i suoi clienti in modo più rapido e flessibile grazie a turni notturni senza presidio. "Poiché per noi la soddisfazione dei clienti ha un valore enorme, sul piano della qualità e della precisione un centro di fresatura deve saper fornire una serie di standard elevati", aggiunge l'amministratore delegato.

Grazie alla forma a U della tavola girevole, l'asse orientabile A e l'asse di rotazione C risultano sul pezzo.

"Non ci possiamo permettere periodi di fermo"

Uno sguardo al reparto di produzione fa capire che il nuovo centro di lavorazione non è il primo contatto con Hermle. Rispettivamente nel 2004 e nel 2005 una fresatrice universale del tipo U 740 è andata a integrare il parco macchine. Da allora l'aspetto positivo che più di tutti colpisce Schmidt e i suoi collaboratori è il servizio assistenza diretto e lineare. "Per noi si tratta di un fattore fondamentale. Non ci possiamo permettere periodi di fermo", spiega l'amministratore delegato.

Il centro di lavorazione a 5 assi C 400 U che dall'ottobre 2018 è in funzione presso la Schmidt und Remmert è comandato da un controllo Heidenhain TNC 640. I programmi di lavorazione provengono direttamente dal sistema CAM. Oltre alle funzioni standard del programma, la Schmidt und Remmert ha optato per il sistema WDS Hermle (sistema diagnostico di manutenzione). Questo monitora costantemente lo stato della macchina ed è in grado di segnalare direttamente all'operatore l'insorgere di eventuali problemi.

La lavorazione automatica a 5 assi incrementa l'efficienza della Schmidt und Remmert.

L'ingresso nel mondo dell'automatizzazione

Per consentire all'unità C 400 U di lavorare senza presidio anche di notte, al centro di lavorazione è stato collegato il sistema handling HS flex con due moduli magazzino pallet con rispettivamente tre livelli di scaffale e posto di attrezzaggio. "Questa soluzione consente di entrare nel mondo dell'automatizzazione in modo economicamente vantaggioso", sottolinea Andreas Härtter della Hermle + Partner Vertriebs GmbH. L'operatore presso la macchina può comandare il sistema handling in modo semplice con il sistema HACS di Hermle (Automation-Control-System) attraverso un touch panel integrato.

La zona di lavoro dell'unità C 400 U è di 850 x 700 x 500 mm (direzione X, Y e Z), la superficie di serraggio della tavola roto-basculante misura in diametro 440 mm, con un cerchio di collisione di 885 mm. Grazie all'ampliamento magazzino utensili opzionale ZM 88k c'è posto per un totale di 126 utensili – abbastanza per la lavorazione completamente automatica delle matrici e dei componenti comuni.

Oltre che per la soluzione di automazione, il nuovo centro di lavorazione convince per la sua efficienza e qualità. Nel futuro Schmidt prevede addirittura di mettere fuori servizio un vecchio centro di lavorazione, nel momento in cui l'unità C 400 U sarà in grado di garantire due turni al giorno. "Al momento riusciamo a far ciò già tre giorni alla settimana – e dopo appena tre settimane d'uso è un risultato intermedio estremamente soddisfacente", è il primo bilancio fatto dall'amministratore delegato. Questi è certo che l'obiettivo verrà raggiunto nel corso del 2019 e conclude così: "La maggior parte dei problemi che ancora oggi si presentano sono errori umani." Quando questi portano a un crash del sistema, alla Schmidt possono contare con piena soddisfazione sulla rapidità del servizio assistenza: "Un elemento distintivo unico di Hermle."

up
arrow up

Cookies

Al fine di ottimizzare il funzionamento del browser, questo sito web utilizza i cookie.

Tutti i video, i salvataggi effettuati sotto "Customize" e le opzioni di localizzazione della tua posizione sono disponibili solo grazie ai cookie.

Scopri come utilizziamo i cookie e come modificare le tue impostazioni a riguardo.

Accetta i cookie